PANCHINA. PANCHINE

Panchine. Tu mi chiedi. Panchina. Panchine.
Cerco di rimettere in sesto
l’ ultima stanga che penzola abbandonata,
avvinghiata, rigirata, scolorita,
svitata, arrugginita, dimenticata.
Ma mi resiste ed urla.
Per pietà. Lasciami così. Per pietà.
Cerco di rialloggiare
i piedi contorti e divelti,
sterrati, sporcati, emaciati,
dissaldati, disboscati, dimenticati.
Ma mi resiste ed urla.
Per pietà. Lasciami così. Per pietà.
Per sedersi non c’ e bisogno
di compattezza, di assemblamento.
Siediti e contempla.
Siedi e guardati intorno.
Siedi e scrivi. Se ne hai bisogno.
Su queste stanghe malcreate.
Su questi piedi dal piedistallo traballante.
Per pietà. Lasciami così. Per pieta.
Non voglio altro dolore. Legnoso. Ferroso.
Ne ho subiti tanti. Nel tempo. E nello spazio.
Ora fermati e non cercare di riaggiustarmi.
Affinchè io duri per quanto ancora posso
e più non voglio. E più non darmi.

…Trasivo ‘n giorno innanzi ‘na una panchina scarcagnata
e avuto vojia de sedemmece e penzà all’ intorno…

PANCHINA. PANCHINEultima modifica: 2009-02-27T18:21:41+00:00da il_cercat0re
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento